Billy Torello - Il Passato ha gli Zoccoli

registrato da Luigi Zanoni
masterizzato da Riccardo rico Gamondi

Stefania Fasoli canta in "Il Passato ha gli Zoccoli"
percussioni di Luigi Zanoni


prodotto da Il Verso del Cinghiale records, Fumaio records, Spettro records e Billy Torello

4 luglio 2013
Castiglione d’Adda

Quando decisi di andare a trovare Billy Torello nella sua casa sull’Adda venni a conoscenza della sua terribile malattia.
A causa di un violento ruzzolone su alcuni gradini infami dell’inverno 2011 egli svenne e si svegliò dopo alcuni giorni.
I medici non riscontrarono niente di particolarmente preoccupante ma dopo alcuni mesi Billy incominciò a dimenticare.
Fu l’amico J.F. Aloysius che decise di portarlo da un mago arruffato che viveva sull’altra sponda del fiume.
Egli diagnosticò una strana malattia con un nome impronunciabile.
La “maledetta” avrebbe privato Billy di 7 ricordi al giorno.
Invano si cercò una soluzione allo strano caso del malcapitato e furono inutili medicine, psicoanalisi o esorcismi.

Era un giorno di primavera e mi accolse con la stessa gentilezza e distacco con la quale si accolgono i venditori di Cristo.
Mi offrì del caffè e gli chiesi della sua musica.
Mi rispose che stava lavorando ad un nuovo disco, il suo ultimo.
Poi la conversazione si fece albero e diventammo amici.
Ormai amanti egli mi confidò: “Domani potresti già essere “niente” nella mia testa! Non vi è nessuna selezione logica, la “maledetta” è viva e agisce come gli pare!”
Io sorrisi.
Poi continuò: “Ecco perché ho deciso di imprigionare alcune pagine della mia vita nel mio prossimo disco, perché quando io stesso sarò “niente” avrò forse questa piccola fune con la quale risalire e se non dovessi farcela di me sarà rimasto qualcosa.”
Io sorrisi e pensai alla cimice capovolta.

Poi spiegò:
“L’uomo costruisce, lavora, produce (Sulla Costruzione del Ponte sull’Adda);
ama e si meraviglia (Notturno);
è legato ai suoi ricordi e a quel suo respiro istintivo che giorno per giorno si trascina inevitabilmente all’ultimo (Quanto può Mancare una Catena);
e costruisce il suo futuro su un passato che scalpita vivo nel profondo (Il Passato ha gli Zoccoli);
il suo cammino è una corsa morbida a mente vuota (La Natura del Ciclismo);
e prima che se ne accorga il bambino che era, è già vecchio (Il Figlio Calvo);
riscoprirà la sua anima saltuariamente, davanti ad uno specchio, nei frangenti più inutili della sua vita (Io non uso la schiuma);
ma io presto avrò la possibilità di vivere un eterno presente, senza passato ne futuro. E vivrò su quello strato invisibile sul quale ogni cosa, anche la più piccola, ha il peso dell’anima (Le pulci pesano sul cuore come elefanti).”

Ci salutammo ed era già tramonto.
Mentre scarpinavo verso la mia automobile mi voltai verso il fiume.
Non era il Mississipi, ma infondo era la stessa cosa.

Sam Soya

 powered by bandcamp

Billy Torello - Il Passato ha gli Zoccoli

Billy Torello - Il Passato ha gli Zoccoli

posted by dfbm | Write a Comment

Billy Torello is the alter ego of Angelo Bignamini from Italy. He's a drummer in the psych band The Great Saunites and records grinding noise with the Lucifer Big Band. While this is all heavy and grim stuff, his recordings as Billy Torello is superb folk and blues with a low bow to the omnipresent masters of solo acoustic steel string guitar – John Fahey and Robbie Basho.

While most of the tracks on Il Passato ha gli Zoccoli have a familiar touch of primitive fingerstyle guitar, Torello surprises with the uplifting folk number Quanto Può Mancare Una Catena and the Animal Collective, freaky folk like title track Il Passato Ha Gli Zoccoli.

Another highlight is Il Figlio Calvo, a raga like piece in best vein of Robbie Basho or Richard Osborn.

While Il Passato ha gli Zoccoli is on bandcamp only for streaming (free download at the Free Music Archive, Torello's debut (?) Ultime Notizie dalla Tartaruga - Chitarra Vol. 2 is up for grabs on the band camp ground.

It's a bit more heavy on the lapsteel and it sounds a bit thinner compared to Il Passato ha gli Zoccoli. But it's a nice listen nonetheless.

If you enjoyed all the other guitarists from Italy that I posted before (Roberto Menabò, Enrico Marcandalli, Egle Sommacal or Maurizio Angeletti) then you should not miss Billy Torello.

Thanks again to Simone Romei for recommend this to me.

Registrato da Michelangelo Roberti.
"Tobia (Guarisce Sara con Fiele di Pesce Diavolo)" è una libera interpretazione di "Imitation Train Whistles" di John Fahey.

Le “Ultime Notizie dalla Tartaruga” si propone con velleità come orecchio metafisico, percepente e catalogatore di quel genere chitarristico nato in America a cavallo dei sixties. Parafrasando il capolavoro faheyano “The Voice of the Turtle”, nel quale il silenzio della natura si propone come archetipo e respiro primigenio di un’intera nazione, l’ultimo lavoro del Torello si offre come ponte culturale dall’America mitopietica all’Italia che ne sogna i bruscoli, dalla U.S. route alla Via Emilia, dalle praterie nordamericane alla pianura lodigiana.
Ne nascono così ritagli musicali grotteschi e paradigmatici di una cultura popolare sognante sospesa fra imitazione ed autodefinizione.
“Mai senza i Guanti” è quindi un invito al “sesso sicuro”, “Quando il Fagione è in Fiore” la narrazione musicale di un genocidio di caccia, “Tobia” evoca una fiaba biblica, “Baldo’s Blues” è un bracciante il cui mondo si consuma in pochi ettari, “Maddalena è un Pungitopo” è una giovane puttanella di contrada, “America vs Ivan Drago” rappresenta il sogno americano marchiato al cinematografo e percepito come esempio.
I personaggi delineati nelle “Ultime notizie dalla tartaruga” vivono così della luce fasulla di quelle stelle ormai spente a miliardi di chilometri da noi.

 powered by bandcamp

Write a comment, say something!


You liked Billy Torello? Check out the following posts: